uniti a Latina_proiettoreA Latina stiamo conoscendo territori e cittadini da tempo aggrediti da clan violenti e spregiudicati; del resto quasi un anno fa la procura distrettuale di Roma e la squadra mobile pontina hanno arrestato decine di persone riconoscendo, per la prima volta, l’esistenza di un’associazione mafiosa autoctona.

Omicidi, faide, suicidi, floride attività economiche in mano a prestanome, estorsioni e danneggiamenti che negli anni hanno generato reticenze, paure, indifferenza e connivenze. Fatti che nell’immaginario collettivo sono stati spesso relegati a regolamenti di conti tra bande. Siamo nel Pontino, anche se per la scarsa percezione collettiva del fenomeno sembra rivivere una storia di rimozione e scarsa consapevolezza già conosciuta alcuni decenni fa in Sicilia.

C’è paura e la cogli nelle parole di chi è stato estorto: commercianti, persino avvocati e commercialisti costretti a cedere al ricatto violento e armato degli estorsori.
C’è anche indifferenza, che percepisci negli atteggiamenti di quelli con cui provi a parlare di questi argomenti  e che tendono a derubricare tutto a scontri tra “clan di zingari”.

Per tutto questo a Latina stiamo incontrando commercianti, studenti, professionisti, insegnanti, cittadini, perché siamo consapevoli che qualunque percorso non potrà prescindere dalla parte sana della città.
Non sarà infatti sufficiente il nostro supporto a chi denuncia e saremo destinati a fallire se il resto del contesto rimarrà inerte e indifferente.

Approfondisci
UNITI CONTRO IL PIZZO A LATINA


Rassegna stampa

Da Palermo a Latina, l’associazione Addiopizzo sbarca nella città pontina: abbattiamo il muro dell’omertà

Il movimento Addiopizzo nelle scuole

Estorsioni a Latina, scende in campo il Comitato Addiopizzo contro la paura e l’omertà: strade tappezzate di adesivi

Commenti

comments

-->