liberazione-in-corso-SNAncora una volta, due dei più grandi mandamenti mafiosi di Palermo, per estensione e concentrazione di attività economiche, sono stati nuovamente disarticolati. Nelle settimane e nei mesi scorsi le forze di polizia hanno duramente colpito anche altre importanti aree di Palermo e provincia.

Addiopizzo sente di ringraziare tutte le istituzioni impegnate in queste operazioni. Ai palermitani tutti, adesso, il compito di non vanificare gli sforzi di forze dell’ordine e magistrati e riconquistare per sempre la propria libertà e la propria dignità.

Oggi, a distanza di 13 anni, Addiopizzo ha la maturità e l’esperienza per poter affermare che mai prima d’ora il cuore economico della città potrebbe essere definitivamente sottratto alla mano di Cosa Nostra, se – e solo se – gli imprenditori e gli esercenti coinvolti dall’operazione di oggi, si rendessero conto di quanta strada è stata percorsa e di quanto sia vicina la liberazione.

Centinaia di commercianti palermitani hanno denunciato grazie anche al nostro supporto e lavorano, oggi, in condizioni sicurezza.

Lo abbiamo affermato diverse volte, ma – mai come oggi – è bene ribadire con forza: adesso o, forse, mai più… Adesso è il momento di distruggere il muro di omertà e di consolidare e diffondere il sistema delle denunce collettive di imprenditori e commercianti. Solo così, con una decisa e sentita azione popolare, riusciremo a sconfiggere il pizzo.

Addiopizzo continuerà ad esserci con la passione civile che ha dimostrato, con l’impegno quotidiano, con il coraggio e il senso di responsabilità verso il futuro. Adesso tocca a voi, imprenditori e commercianti palermitani, tocca al vostro amor proprio, alla vostra voglia di riscatto.

Denunciate e collaborate senza remore. Ci sono migliaia di palermitani onesti pronti ad accogliere, condividere e supportare questo doveroso segnale di civiltà.

Si tratta di una scelta di libertà, quella libertà di cui ogni essere umano ha diritto anche nell’esercizio della propria attività d’impresa. Questo periodo di difficoltà potrebbe quindi divenire per lei l’opportunità di una svolta vincente e decisiva.

Liberarsi dal racket è possibile….. insieme!

Per tutte le informazioni e il supporto necessario,contattateci con fiducia, al più presto, al numero 3279061172.

 


 

RASSEGNA STAMPA

Palermotoday.it, 05/12/2017

 

Nei piani di Cosa Nostra l’omicidio di un fedelissimo dei Lo Piccolo.

gds.it, 05/12/2017

Commenti

comments