Se condividi lo spirito e i valori
che animano l’azione di Addiopizzo,
donaci il tuo 5×1000
Con una semplice firma e il nostro codice fiscale (97205850825) contribuirai a finanziare le nostre attività, affinché Addiopizzo sia più libero nel sostenere le proprie campagne e le proprie azioni. Anche grazie al tuo sostegno, nel 2017 abbiamo potuto promuovere diverse iniziative di sensibilizzazione e di promozione di una cultura della legalità.

Le azioni e i risultati raggiunti nel 2017

logo-umano34 nuove adesioni, che arricchiscono il numero di operatori economici pizzo-free. Decine di commercianti e imprenditori supportati e sostenuti lungo il percorso di denuncia e di affrancamento dal fenomeno estorsivo. La crescita del numero di operatori economici aderenti alla rete rappresenta un fatto molto importante, perché] contribuisce a rafforzare le condizioni di sicurezza di chi ha denunciato e a evitare che chi si oppone sia lasciato solo e isolato.

6 processi in cui Addiopizzo si è costituito parte civile assieme a molti operatori economici vittime del reato di estorsione.


Festa 2017_713x314XII Festa del Consumo critico Addiopizzo,
in cui per tre giorni migliaia di alunni delle scuole di Palermo, commercianti e cittadini si sono incontrati in piazza per confrontarsi sul tema del racket, dando luogo a dibattiti, laboratori, proiezioni, seminari, concerti e spettacoli serali.


Processo Maqueda,
Addiopizzo parte civile con i commercianti bengalesi.
Bengalesi.jpfA meno di un anno dalle indagini e dagli arresti scaturiti dalle denunce di una decina di commercianti di origine straniera, accompagnati già in fase di collaborazione dalla nostra associazione, si apre il processo che vede imputati nove soggetti accusati di estorsione,rapina, violenza privata e minacce. Una storia senza precedenti, perché per la prima volta il fenomeno della denuncia collettiva vede coinvolti un cospicuo numero di migranti.

 


Dall’investimento collettivo all’educativa di strada.
Educativa di stradaDa sempre abbiamo dedicato particolare attenzione a un luogo di grande valore simbolico per la città: piazza Magione. Lì abbiamo realizzato le prime fiere del consumo critico, e dopo l’investimento collettivo, l’area giochi, nata da un percorso di progettazione partecipata e da quasi due anni abbiamo avviato un percorso di inclusione sociale ed educativo con ragazzi che vivono nel quartiere.

3.800 persone provenienti da tutte le parti d’Italia e del mondo che hanno viaggiato in Sicilia con AddiopizzoTravel, usufruendo esclusivamente di servizi offerti da operatori economici pizzo-free.

Ad oggi sono 1040 gli operatori economici che hanno deciso di non pagare il pizzo aderendo alla rete “Pago chi non paga” e oltre 13.000 i cittadini-consumatori che si sono assunti l’impegno di compiere i propri acquisti presso chi ha trovato la forza e il coraggio di dire di NO alla mafia.


COME DEVOLVERCI IL TUO 5×1000

Tutti coloro che compilano il modello unico persone fisiche (conosciuto come il vecchio 740), il modello 730 o il CUD, possono indicare, nell’apposita sezione, il codice fiscale del COMITATO ADDIOPIZZO: 97205850825.

Il codice va inserito nel riquadro denominato “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute”, nello spazio al di sotto della propria firma.

La destinazione del 5×1000 non comporta alcun aggravio delle imposte: se non si effettua alcuna scelta, infatti, questa percentuale rimane comunque allo Stato.

Inoltre non è in alcun modo alternativa all’8×1000: è possibile infatti scegliere di devolvere il 5×1000 al Comitato Addiopizzo, e mantenere inalterata la tua scelta riguardo l’otto per mille.

 

image-7-300x104

 

    60303