124fTutte le associazioni antiracket aderenti alla FAI, insieme ad Addiopizzo, Libero Futuro e Professionisti Liberi, si mobilitano nei giorni precedenti la Pasqua di quest’anno, organizzando decine di passeggiate per i negozi delle città italiane in compagnia delle autorità di Polizia.
Pasqua è anche, per le organizzazioni criminali mafiose, periodo di riscossione del pizzo. Per questo motivo vogliamo invitare gli imprenditori ed i commercianti a ribellarsi, a denunciare e ad unirsi nelle associazioni antiracket.

Abbiamo previsto due volantinaggi a Palermo e uno a Partinico e vi chiediamo di partecipare numerosi, in modo da raggiungere il maggior numero di negozi, secondo il seguente programma:

martedì 3 aprile, Partanna Mondello, dalle ore 11.00 alle 12.30 (appuntamento in piazza, di fronte la Parrocchia)
mercoledì 4 aprile, Partinico (Pa), dalle ore 11.00 alle 12.30 (appuntamento in Piazza Duomo)
giovedì 5 aprile, viale Strasburgo, dalle ore 11.00 alle 12.30 (appuntamento di fronte la RAI)

Negli stessi giorni a Gela, Messina, Acireale, Cosenza, Cittanova, Lamezia Terme, Altamura, Bari, Barletta, Mesagne e Vieste, Napoli, Pomigliano D’Arco e in tante altre città e quartieri centinaia di volontari andranno per negozi per dire ai colleghi che non sono soli, che ribellarsi al pizzo è possibile.

Quest’anno la Pasqua coincide con il periodo di maggiore crisi economica che si ricordi. Le famiglie e le aziende sono tutte in grande difficoltà soprattutto sul nostro territorio dove l’economia è meno fiorente, la macchina pubblica meno efficiente e la disoccupazione dilagante.

Una delle ragioni di tanta crisi e sottosviluppo sta nella presenza delle organizzazioni mafiose che alterano le regole del mercato con imposizioni come il pizzo.

Con la Pasqua, ogni anno, arrivano anche gli estorsori ma questa volta la crisi rende ancora più insopportabile la sottomissione al racket.

Le recenti operazioni delle forze dell’ordine e della magistratura hanno sostanzialmente destrutturato l’organizzazione mafiosa palermitana.
Se a tutto ciò non seguirà però un atto di coraggio e di responsabilità di tanti commercianti taglieggiati, in breve tempo nuovi estorsori si ripresenteranno per riaffermare il proprio controllo territoriale sulla tua zona e sulla tua attività economica.

In questa giornata nazionale promossa dalle nostre associazioni, che ormai assistono centinaia di imprenditori, ribadiamo con forza che liberarsi è possibile anche a Palermo e che ciò si può fare in sicurezza.

Si tratta di una scelta di libertà: quella libertà di cui ogni essere umano ha diritto anche nell’esercizio della propria attività di impresa.

Il volantino della FAI

il volantino di Addiopizzo

Commenti

comments