Nell’ambito dell’operazione di stamattina condotta dai carabinieri di Palermo e del gruppo di Monreale e dai magistrati della procura di Palermo, alcuni artigiani e imprenditori che vivono e lavorano tra i paesi di Chiusa Sclafani, Palazzo Adriano e Corleone, hanno collaborato e denunciato con l’ausilio e il supporto di Addiopizzo.

Negli ultimi due anni l’associazione è stata impegnata accanto a diverse vittime che proprio in tali aree del Palermitano hanno maturato la forza e il coraggio di liberarsi da soprusi, minacce e richieste estorsive.

La straordinaria azione repressiva delle forze dell’ordine e dei magistrati e il percorso di affrancamento dal fenomeno delle estorsioni di commercianti e imprenditori sostenuto dall’associazione, mettono in luce come anche in questa area della provincia così difficile ci siano le condizioni per sgretolare il muro dell’omertà.

liberazione-in-corso-SNL’auspicio è che dopo questa importante operazione le persone per bene che vivono nel territorio del Corleonese possano cogliere questa ulteriore opportunità per collaborare e scrollarsi di dosso il fardello mafioso.

Come in altri casi, noi cercheremo di non far mancare il nostro aiuto alle vittime, proprio perché vogliamo sostenere il vento di cambiamento che, da qualche tempo, soffia anche nelle periferie della provincia di Palermo, dove la mafia ha storicamente mantenuto forte e saldo il controllo del territorio, forse più di quanto possa riuscire a fare, ormai da tempo, in città.

 

APPROFONDISCI

Allunga il “Grande passo” su Corleone e dintorni 
Estorsioni. Imprenditori denunciano il pizzo, 4 arresti a Corleone

Pubblicato il 27 gennaio 2015

Operazione“Grande passo”: colpo alla nuova mafia di Corleone
Pubblicato il 24 settembre 2014 

Commenti

comments