<p><b>29 agosto 1991</b>. Libero Grassi, l&rsquo;imprenditore che non voleva pagare il pizzo in nome della sua dignit&agrave;, viene ucciso &ldquo;dalla mafia, dall&rsquo;omert&agrave; dell&rsquo;associazione degli industriali, dall&rsquo;indifferenza dei partiti, dall&rsquo;assenza dello Stato&rdquo;.</p>rn<p>Venerd&igrave; prossimo, per ricordare <b>Libero Grassi</b> a diciassette anni dalla morte, il comitato Addiopizzo, l’associazione antiracket Libero Futuro e la Fai, in <b>via Alfieri alle ore 9.00</b>, parteciperanno a una cerimonia che sar&agrave; diversa e meno rituale del solito: saranno infatti presenti numerosi imprenditori che nel corso degli ultimi mesi hanno rotto il muro dell&rsquo;omert&agrave; collaborando con la giustizia. Per dar forma a una manifestazione civile che abbracci Libero e il suo ricordo, Addiopizzo chiede a tutti i commercianti, e ai cittadini che parteciperanno, di portare un fiore da adagiare davanti al manifesto che ogni anno la famiglia affigge sul muro di via Alfieri.<br />rn<br />rn<b>Addiopizzo e il Coordinamento Palermo Ciclabile</b> organizzano nel pomeriggio una pedalata di simbolico riscatto dalla mafia. L’appuntamento &egrave; alle ore 16, con <b>raduno a piazza Unit&agrave; d&rsquo;Italia</b>. L’intero percorso &egrave; di 30 km e si attraverseranno diversi luoghi simbolo della citt&agrave;, dalla via Alfieri, ai quartieri che oggi vedono molti commercianti alzare la testa: San Lorenzo, Partanna-Mondello, Tommaso Natale e Sferracavallo. Partenza alle 16.30, e ingresso in Favorita in direzione Mondello; Diverse le tappe dove sar&agrave; possibile unirsi alla pedalata, la prima sar&agrave; alle ore 17.30 di fronte al Charleston; alle 18 &egrave; prevista una sosta gelato in piazza Sferracavallo; terza tappa sar&agrave; a piazza Alcide de Gasperi alle 19.30 per poi proseguire attraverso la citt&agrave; fino a piazza XIII vittime. La giornata si concluder&agrave; in festa alle ore 21, presso<b> Al Bab</b> (Centro d’informazione e accoglienza turistica), alle spalle della chiesa di San Giorgio dei Genovesi, con proiezione di un documentario inedito, una jam session di jazz e un ricordo di Libero Grassi.<br />rn&nbsp;</p>

Commenti

comments