La sua pubblicazione nasce dall’interesse dei palermitani e dei viaggiatori che vengono in vacanza a Palermo che sempre più spesso sono curiosi di conoscere gli operatori economici e i rispettivi prodotti pizzo free. rn rnL’idea nasce da Antonella Sgrillo ed Aldo Penna, componenti dell’associazione antiracket Libero Futuro e realizzata dallo studio grafico Pietro Lupo con la collaborazione dello studio grafic Fausto Gristina.rn rnLa mappa raccoglie i 400 imprenditori, commercianti ed artigiani che ad oggi aderiscono alla campagna di consumo critico contro il racket dell’estorsioni. L’iniziativa è sostenuta da oltre 40 inserzioni, presenti sulla mappa, di operatori economici che fanno parte del circuito di Addiopizzo. La mappa viene proposta con indicazioni in italiano e in inglese, per diventare un ottimo strumento per i viaggiatori interessati a conoscere anche operatori economici che hanno trovato la forza e il coraggio di ribellarsi al racket del pizzo. rnSaranno 20.000 le mappe distribuite presso tutti gli operatori economici aderenti al circuito di Addiopizzo e nei centri info del comune di Palermo.Tutti gli albergatori interessati possono gratuitamente ritirare le copie della mappa da distribuire ai loro ospiti presso la sede di Addiopizzo.rn rnIl comitato Addiopizzo vuole proporre un nuovo strumento attraverso il quale tutti i viaggiatori responsabili possono dare un contributo concreto alla campagna del consumo critico.

Commenti

comments