Anche quest’anno ritorna la Festa/Fiera del Consumo critico Addiopizzo, che ha per titolo Beni comuni contro Cosa nostra. L’iniziativa, che nel 2014 giunge alla sua nona edizione, si svolgerà il 16, 17 e 18 maggio presso il Giardino Inglese di Palermo e ha per tema portante il concetto di Bene comune, come modello di gestione partecipata finalizzata al superamento del sistema mafioso.

La IX Festa/Fiera Beni comuni contro Cosa nostra ha un filo conduttore che si sintetizza con poche e semplici parole: la rete di Addiopizzo per realizzare un investimento collettivo a Palermo. Un progetto di recupero e riqualificazione del territorio attravero percorsi di partecipazione dal basso.
La Festa è l’evento conclusivo di un anno di attività dell’Associazione che vede convergere il mondo della scuola, dell’educazione, della cultura e dello spettacolo, all’insegna di un circuito di economia etica e pulita. Solo con la partecipazione democratica e attiva alla res publica, la gestione delle risorse fondamentali, dell’ambiente, dei paesaggi, dell’arte, dell’incontro tra culture si potrà superare la cultura mafiosa.

È un’occasione per rendere tutti i cittadini/consumatori protagonisti nel compiere i loro acquisti presso imprese e commercianti che non pagano il pizzo, esercitando una semplice pratica collettiva per costruire, dal basso, un mercato libero e responsabile. All’interno della Festa, infatti, la Fiera del Consumo critico Addiopizzo permette di conoscere e sostenere gli imprenditori, i commercianti e le associazioni che aderiscono e rendono viva la lista del consumo critico Addiopizzo.

Un ringraziamento speciale va ai volontari del Nucleo di Carabinieri e Protezione Civile in congedo che forniranno il loro prezioso supporto durante la manifestazione.

Leggi il programma

L’azione è realizzata nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo sviluppo “Obiettivo convergenza 2007–2013”. “Consumo critico antiracket: diffusione e consolidamento di un circuito di economia fondato sulla legalità e lo sviluppo”, di cui è beneficiario l’Ufficio del Commissario nazionale antiracket.

Spese Festa/Fiera 2014

Commenti

comments