Fonte: Giornale di Sicilia

In aula un imprenditore di Altofonte: «Dissi no per dignità». Altre tre persone sono già state condannate in primo grado con l’abbreviato per la stessa estorsione. «Temevo ripercussioni – ha detto la presunta vittima – invece non ho avuto cali nelle vendite».

Leggi l’articolo

 

Commenti

comments