Nuovo colpo al clan di Bagheria: il reggente del mandamento decide di collaborare con la giustizia

liberazione-in-corso-500x333È delle ultime ore la notizia di un nuovo collaboratore di giustizia, arrestato pochi mesi fa nell’ambito dell’operazione antimafia Reset che ha sgominato il mandamento di Bagheria.

Ormai si è quasi perso il conto del numero di mafiosi che dopo gli arresti dello scorso giugno hanno deciso di “saltare il fosso”.

Grazie a queste nuove numerose collaborazioni e all’importante lavoro di magistrati e forze dell’ordine, il muro dell’omertà si sta sgretolando persino in territori come quelli che interessano i comuni di Bagheria, Villabate, Casteldaccia e Ficarazzi, storiche roccaforti della mafia e dei suoi affari.

Nella stessa area, Addiopizzo sta supportando da diversi mesi numerosi imprenditori e commercianti che hanno colto questo momento storico per affrancarsi da Cosa nostra e dal racket e intraprendere un nuovo percorso di legalità.

Addiopizzo vuole sottolineare a quanti vivono ancora nel dubbio se compiere la scelta di denunciare, che non rendersi conto della straordinarietà del momento che stiamo attraversando significherebbe sprecare una preziosa opportunità che potrebbe non ripresentarsi più in futuro.

L’associazione ribadisce perciò la sua volontà e disponibilità a stare a fianco, come fa ormai da tempo, di quanti sceglieranno di liberarsi dall’odioso fenomeno del pizzo.

 

RASSEGNA STAMPA

Si pente il boss di Bagheria Zarcone. Trema Cosa nostra palermitana
Livesicilia.it, 30/09/2014

Bagheria, un nuovo collaboratore di giustizia
Giornale di Sicilia, 01/09/2014

 

Commenti

comments