Palermo per gli alluvionati di Barcellona e SaponaraIn seguito all’alluvione che ha colpito duramente le zone del messinese, il Comitato Addiopizzo mette a disposizione per la raccolta dei beni di necessità la propria sede, situata in via Lincoln 131 ed aperta dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 19:30 (per ogni eventualità, consultate il nostro sito alla sezione Faq – orari sede)

Sabato 3 dicembre alcuni volontari andranno a dare una mano alle popolazioni alluvionate di Barcellona Pozzo di Gotto e Saponara (ME). Una volta lì, si metteranno a disposizione delle autorità di Protezione civile presso il Comune di Barcellona Pozzo di Gotto.

Per la raccolta di generi di prima necessità, si accettano cibo non deperibile, acqua potabile, latte, alimenti per bambini, carta igienica, etc.

Per l’iniziativa l’Arci ha aperto un conto corrente di solidarietà intestato a “Raccolta fondi per alluvionati del messinese”, aperto presso Banca Etica: Iban IT 38 E 05018 04600 000000 140686

NOTA delle Protezione Civile:
“I singoli devono astenersi dall’andare sui luoghi delle frane. La disponibilità e il calore della gente è encomiabile, ma la presenza di volontari inesperti e non organizzati può intralciare le operazioni”.
Le associazioni di volontariato, invece, sono bene accette. “Il mondo dell’associazionismo è già in contatto con i nostri referenti. Per loro c’è già il via libera”. L’“area di ammassamento”, insomma il punto di raccolta per i volontari già organizzati, si trova al Comune di Barcellona di Pozzo di Gotto. Anche in questo caso, però, è importante raccordarsi con il coordinamento generale: “I volontari che arrivano dal resto della Sicilia – chiarisce il dirigente della Protezione civile – devono presentarsi a Barcellona e aspettare indicazioni. Da lì, in coordinamento con l’unità di crisi allestita alla prefettura di Messina, verranno smistati verso le zone che hanno più necessità di intervento”. Per fronteggiare l’emergenza non basta la disponibilità. Serve organizzazione”.

Condividete e promuovete l’appello su Facebook.

Commenti

comments