6 gennaio 1980. A Palermo, in via Libertà, uccisione del presidente della Regione e dirigente democristiano Piersanti Mattarella.

Si era impegnato in un’azione di moralizzazione della vita pubblica, bloccando alcuni appalti a cui erano interessati imprenditori mafiosi e si adoperava per un rinnovamento del quadro politico aperto al coinvolgimento del Partito comunista.

Sono stati condannati come mandanti del delitto i mafiosi facenti parte della cupola, l’organo di comando dell’organizzazione Cosa nostra. Assolti i neo-fascisti Giusva Fioravanti e Gilberto Cavallini, incriminati come esecutori.

Fonte: C.S.D. “Giuseppe Impastato”

APPROFONDISCI

Nelle carte il volto del killer di Mattarella.
“Sul luogo del delitto il medico del boss”

la Repubblica, 06/01/2016

Commenti

comments