Fonte: Giornale di Sicilia

La memoria di Mario Francese è più viva che mai perché intuì prima di tanti inquirenti e addetti ai lavori la scalata dei corleonesi al vertice di
Cosa nostra, svelando affari e complicità dei boss.

Leggi l’articolo

Commenti

comments

-->