Il 6 gennaio 1980 la mafia uccideva l’allora presidente della Regione Sicilia e dirigente della D.C. Piersanti Mattarella.

La mattina del 6 gennaio 1980 Piersanti Mattarella è in via Libertà, a Palermo. È appena entrato sulla sua Fiat 132, assieme alla famiglia. Pochi istanti prima di mettere in moto, un sicario si avvicina al finestrino e spara. A nulla varranno i soccorsi.

Presidente della Regione Sicilia e dirigente della Democrazia Cristiana, Mattarella rappresentava il riscatto e l’inizio di nuova rivoluzione siciliana ispirata ai valori dell’antimafia.

Dopo 42 anni, processi, indagini e tante piste, si è ancora lontani dalla verità.


APPROFONDISCI

La Grande Storia
PIERSANTI MATTARELLA E LA BUONA BATTAGLIA