In queste settimane stiamo facendo ogni sforzo per potenziare l’attività di ascolto e supporto alle vittime di estorsione.
covid-19Da molti commercianti e imprenditori che operano in diversi settori, dall’edilizia alla ristorazione fino ai servizi come quelli legati al turismo, ci viene segnalato come l’emergenza coronavirus stia causando gravi difficoltà di liquidità economica, con ripercussioni pesanti anche nei rapporti con i fornitori, quindi con altre imprese. Un circolo vizioso che rischia di essere senza via d’uscita per chi fa impresa.
Non è semplice operare in queste condizioni e soprattutto essere d’aiuto in un momento così difficile in cui tanti non hanno ancora avuto alcuna risposta su strumenti come la cassa integrazione in deroga e l’accesso al credito,  rimasti impantanati tra ritardi e lungaggini burocratiche che poco hanno a che vedere con l’esigenza sacrosanta di assicurare a tali processi trasparenza e legittimità.

Solo con una risposta rapida, credibile e vigorosa riusciremo a sottrarre territorio, fasce sociali e pezzi di economica a fenomeni di illegalità diffusa e di criminalità organizzata.
In un momento in cui, peraltro, nelle settimane passate sono giunti segnali e scelte tanto incomprensibili quanto preoccupanti da parte del ministero della giustizia nella gestione delle carceri, ci auguriamo che l’attuale emergenza sanitaria non diventi un alibi per alcuni detenuti per tentare di ottenere scarcerazioni o differimenti di pena da quella detentiva a quella domiciliare.

Segnali e rischi che vanno scongiurati perché è in gioco la fiducia di cittadini e operatori economici.

 

 

tel_arancione

 IL SERVIZIO DI ASCOLTO TELEFONICO
È ATTIVO H24 AL 3279061172

Per informazioni o comunicazioni non urgenti
puoi chiamare da lun. a ven. h 9,00/16,00
o scrivere a comitato@addiopizzo.org