Fonte: livesicilia.it

“Noi ci siamo visti con Nicola Milano e con Tommaso Di Giovanni – racconta il collaboratore di giustizia Danilo Gravagna – ci siamo seduti e abbiamo parlato della gestione del porto, che ci saremmo occupati delle estorsioni, dei furti e di tutte le problematiche”.

Leggi l’articolo