Fonte: ireporters.it

A 15 dalla nascita di Addiopizzo. “Al di là della repressione, occorrono politiche sociali e del lavoro insieme a cittadini meno indifferenti”.
“Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità”. L’alba del 29 giugno 2004, Palermo si risvegliò tappezzata di centinaia di adesivi con questo messaggio. Quindici anni fa il termine “estorsione” rappresentava un tabù, le denunce si contavano sulle dita di una mano e “l’ottanta per cento degli operatori economici -sosteneva la procura di Palermo – eracondizionata dal fenomeno del pizzo”. Prese forma la stagione della resistenza di Addiopizzo.

Leggi l’articolo