Sono tutte ex vittime di violenza le “Cuoche combattenti” che realizzano e vendono marmellate e piccoli dolci. È il caso vincente di una associazione di promozione sociale che si trasforma in impresa.

Dopo due anni dalla nascita delle prime conserve con le etichette antiviolenza, apre finalmente un laboratorio culinario e una bottega per vendere conserve, prodotti da forno e piccola pasticceria. L’inaugurazione è venerdì 27 settembre alle 18.00, in piazza Generale Cascino 11, a Palermo. Siamo orgogliosi che questa realtà sia oggi parte della rete di consumo critico di Addiopizzo.

etichette-antiviolenza“Cuoche combattenti” nasce dall’elaborazione del percorso di fuoriuscita dalla violenza domestica, presso il Centro antiviolenza Le Onde ONLUS di Palermo, e dall’urgenza di condividere con altre donne, le consapevolezze acquisite, di proporre un esempio positivo di riscatto e autodeterminazione femminile.

I loro prodotti, nati da ricette tradizionali utilizzando materia prima a Km 0 da coltivazioni biologiche, sono pensati per incoraggiare le donne a prendere in mano la loro vita. Le marmellate per esempio hanno nell’etichetta messaggi rivolti proprio a loro. “Tu vali e sei libera sempre”, “Chi ti ama non ti controlla”, “Senza paura sei molto più bella”, recitano alcuni dei messaggi.

Scopri di più su cuochecombattenti.com