Fonte: la Repubblica Palermo

A Cassibile, frazione rurale alle porte di Siracusa, la storia si è fermata. Le conquiste delle lotte bracciantili nella seconda metà degli anni Sessanta naufragano in un contesto segnato ancora da sfruttamento e lavoro nero. Le vittime, oggi, sono i lavoratori stagionali immigrati, impiegati da marzo a giugno nella raccolta di fragole e patate. Quest’anno sono poco meno di trecento e dormono in alloggi di fortuna in mezzo alle campagne.

Leggi l’articolo