Fonte: la Repubblica – Palermo

“Dice lo zio”, ripeteva Luca Bellomo, il nipote acquisito che si occupava di portare tanti soldi alla causa della latitanza.

Leggi l’articolo