Fonte: livesicilia.it

Una lettera anonima, ma soprattutto le parole di un pentito avrebbero annunciato la presenza di armi ed esplosivo nei luoghi frequentati abitualmente da alcuni magistrati e subito sono scattate le ricerche. In carcere i mafiosi siciliani aspettavano “il botto”.

Leggi l’articolo