Fonte: Giornale di Sicilia

Il presunto capo cosca leggeva i pizzini degli affiliati e li ingoiava. I magistrati: “Garantivano l’assistenza ai familiari dei detenuti”.

Leggi l’articolo