Fonte: Giornale di Sicilia

Una rete di presunti prestanome proteggeva il patrimonio di un costruttore ritenuto vicino ai boss di Belmonte Mezzagno. Ma in due distinte operazioni i carabinieri gli hanno sequestrato un patrimonio complessivo di 6 milioni di euro.

Leggi l’articolo