Fonte: La Repubblica

Ai domiciliari, per intestazione fittizia, Giuseppe Amato e il fratello Benedetto. L’inchiesta dei carabinieri e della procura sulla riorganizzazione di Cosa nostra