Fonte: la Repubblica Palermo

Nonostante siano stati più volte indagati, sarebbero riusciti a nascondere i loro patrimoni, con intestazioni fittizie a familiari e prestanome. Bliccati anche tre buoni postali e tre conti correnti.

Leggi l’articolo