In occasione del XXX anniversario della morte di Libero Grassi, insieme alla famiglia dell’imprenditore assassinato da Cosa Nostra abbiamo promosso una giornata di iniziative in ricordo suo e della moglie Pina Maisano.

A conclusione delle iniziative del 29 agosto in occasione del trentennale dall’assassinio di Libero Grassi, vogliamo ringraziare gli imprenditori e gli amici di Addiopizzo che numerosi hanno partecipato alla giornata di commemorazione e memoria attiva. IMG_20210830_131617

Tanti i momenti di confronto: la mattina in Via Alfieri, luogo del delitto, dove con “un fiore di vinca” abbiamo rinnovato l’impegno, sull’esempio di Libero, ad essere presenti con azioni concrete, affinché nessuno più debba sentirsi solo nella battaglia contro il pizzo e le richieste estorsive. A seguire a Villa Lampedusa — ospiti degli imprenditori de La Braciera , anche loro protagonisti di una storia di ribellione al racket— gli interventi del prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani, del procuratore aggiunto della Repubblica di Palermo, Salvatore De Luca e il Commissario nazionale antiracket e antiusura, Giovanna Stefania Cagliostro, moderati dal giornalista Lirio Abbate,  hanno fatto il punto sullo stato attuale della lotta alle estorsioni.

Nel pomeriggio, spostandoci alla Cala, grazie all’unione della Lega Navale Italiana Palermo e realtà associative come Laboratorio Zen Insieme e San Giovanni Apostolo Onlus, abbiamo promosso una veleggiata per l’inclusione, con i bambini e le bambine dei quartieri Kalsa, Zen e Cep, per instillare l’importanza e la possibilità di un futuro migliore insieme, attraverso la bellezza e la libertà del mare, elemento che anche Libero Grassi amava e viveva proprio con la sua barca a vela.

Infine in serata la proiezione del docufilm “Io sono Libero”, all’Arena alla Cala, con la collaborazione di Terzo millennio progetti artistici, ha concluso la giornata di iniziative ospitando gli interventi degli amici di Parco Libero, e i loro progetti per la riqualifica della Costa Sud di Palermo.

 

Vogliamo condividere i momenti più significativi: visita la gallery

Approfondisci:

Libero Grassi, il ricordo della figlia Alice: «Nessuno poteva fargli cambiare idea»

Addiopizzo, l’eredità di Libero: «Quegli adesivi per dire basta» 

«No al pizzo ma non chiamateci eroi»

Il tazebao, il dibattito, la vela. Una giornata di iniziative per non dimenticare Libero

Salvatore De Luca “Grassi esempio eroico ma molti commercianti pagano ancora il pizzo”